News

Scacchi: tra interazione e miglioramento

Gli scacchi sono uno dei punti focali del progetto “Il Mondo a Scacchi” che ha come scopo quello di diffondere la cultura dello sport come strumento per educare alla sana competizione e promuovere comportamenti di collaborazione e non violenza.

Francesco Miosi, istruttore da moltissimi anni, ha impartito lezioni ai ragazzi del gruppo A durante l’intero anni appena trascorso.


A conclusione del progetto, potresti fare un bilancio finale in merito alle attività scacchistiche?

Le attività scacchistiche sono state sempre seguite con costanza e hanno raggiunto tutti gli obiettivi prefissati, nonostante l’impossibilità di vederci di presenza, i supporti tecnologici ci hanno permesso di portare avanti e terminare regolarmente le attività


Per quanto riguarda l’obiettivo iniziale, quello di favorire l’inclusione sociale, quanto sono stati importanti gli scacchi?

Durante le lezioni, per favorire l’inclusione sociale, ho cercato di farli lavorare a coppie o gruppi di tre.
In questo modo le attività richiedevano una collaborazione tale che risponde pienamente al senso di inclusione. Ci sono tantissimi metodi, strumenti e possibilità di utilizzare gli scacchi in questa forma.


I ragazzi con quale stato d’animo hanno partecipato?


Beh, i ragazzi avevano un atteggiamento d’interesse verso la materia in sé, la voglia di apprendere qualcosa di nuovo e poter migliorare il proprio livello di gioco era sempre presente. In ogni caso io ho cercato di mostrare loro sempre situazioni o posizioni molto particolari e “divertenti” per le idee originali attuate. Questo sicuramente li ha aiutati a mantenere alto l’interesse.

Com’è stato per i ragazzi, anche se in via telematica, confrontarsi con due grandi maestri di scacchi?


I ragazzi hanno aderito con gioia e curiosità e hanno avuto due grandi esempi da cui apprendere e imparare mosse nuove. In Sicilia nessun giocatore ha mai raggiunto questi livelli e quindi per noi siciliani è sempre un’occasione unica e importante.


Escono arricchiti da quest’esperienza? In che modo?

Al termine di questo progetto i ragazzi hanno avuto benefici da molti punti di vista, chiaramente hanno aggiunto qualcosa alle loro conoscenze pregresse sugli scacchi e quindi hanno migliorato il loro livello di gioco, l’interazione costante tra loro li ha resi più sicuri e meno timidi di esprimersi. Nel gioco degli scacchi una componente fondamentale è l’errore inteso come occasione di miglioramento. Questa è una lezione più importante di tutte e sono sicuro si porteranno dietro negli anni.

Leave a comment